SPONSOR MERCATINI DI NATALE

Banner
Macugnaga
Dom

17°C
Lun

18°C
Mar

18°C
Valle vigezzo
Dom

22°C
Lun

22°C
Mar

22°C
Domodossola
Dom

26°C
Lun

27°C
Mar

27°C
Omegna
Dom

27°C
Lun

27°C
Mar

27°C
Varzo
Dom

22°C
Lun

22°C
Mar

22°C
Villadossola
Dom

26°C
Lun

27°C
Mar

27°C

PERNOTTAMENTI NEL VCO



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

PDF Stampa E-mail

CLICCA QUI E SCARICA LA MAPPA COMPLETA!

 

La Natività interpretata dai cittadini di Crodo e delle sue frazioni di montagna: la magia del Natale, l’emozione dell’acqua…

 

Arrivati a Domodossola dal resto del mondo, puntate dritto verso Nord, in quella lingua di Piemonte che s’incunea tra la Svizzera tedesca e quella italiana, che il fiume Toce percorre in senso inverso costellandola di spettacolari cascate e affascinanti centrali idroelettriche.

 

Il primo comune che incontrate dopo la galleria di Pontemaglio – che separa fisicamente e climaticamente le Valli Antigorio e Formazza dal resto del belpaese – è Crodo, preceduto dal piccolo abitato di Rencio Inferiore (406 metri s.l.m.) dove Vi dà il benvenuto il primo Presepe sull’acqua del percorso che ne raggruppa oltre quaranta, salendo fino ai 1217 metri di altitudine di Foppiano sul versante ovest e ai 685 di Maglioggio sul versante est della Valle.

 

Il circuito è percorribile in auto e parzialmente in pullman, in quest’ultimo caso facendo attenzione all’abitato di Mozzio (826 metri s.l.m.), dove la strada provinciale si snoda a filo delle belle case in pietra all’interno del nucleo abitato, a Maglioggio, ad Alpiano e a Vegno. Ma può essere percorso anche in bicicletta o a piedi, interamente – se siete buoni camminatori – o a tappe, frazione per frazione.

 

Per esempio, nei dintorni di Crodo, si possono visitare le installazioni di Rencio Inferiore, Molinetto, Bagni (tutte posizionate lungo la Strada Statale 659 in circa due chilometri) e poi Alpiano Superiore, Vegno ed Emo, nuclei abitati a poca distanza dalla strada principale.

 

Nel centro di Crodo, le installazioni (tra cui quella a cura del Ristorante Marconi e quella delle Macellerie Crosetti) sono sufficientemente vicine per permettere un giro a piedi per il paese, non dimenticando di ammirarne la parte antica, intorno a Piazza Pretura.

 

Da Crodo, salendo verso ovest, percorrete per tre chilometri circa la Provinciale 73, strada panoramica che consente il giro delle frazioni crodesi situate alle pendici del monte Cistella: nei dintorni di Mozzio la carreggiata è ritmata da una serie di fontane e lavatoi splendidamente allestiti da Smeglio (748 metri s.l.m.) al quartiere di San Giuseppe (850 metri s.l.m.). L’alternativa è avventurarsi per le belle mulattiere.

 

Proseguendo per circa un chilometro, a Viceno (895 metri s.l.m.) sono visitabili altre installazioni, nel parco giochi dell’Albergo Edelweiss, nella piazza del paese e all’interno del suggestivo Vecchio Borgo, tra cui quello del Bed&Breakfast Terrarara.

 

Tre chilometri Vi separano ora da Foppiano (1217 metri s.l.m.), dove troviamo il presepe a cura dell’Albergo Pizzo del Frate: la strada comunale che vi conduce permette la visita di alcune altre installazioni in località Mondei (1070 metri s.l.m.) e Rovallo (1100 metri s.l.m.).

 

Ripercorrendo la strada in discesa fino a Viceno e dirigendosi verso Cravegna per un paio di chilometri, scopriamo da Campieno (873 metri s.l.m.) fino a Fariolo (772 metri s.l.m.) almeno una decina di altre imperdibili installazioni, realizzate con il coordinamento dell’Unione Sportiva Cravegna. Con un po’ di tempo a disposizione, si può lasciare la macchina e assaporare l’intero percorso a piedi (quattro/cinque chilometri).

 

Tornando verso Crodo e Domodossola per circa sei chilometri, tappe obbligatorie sono anche Braccio e Verampio, dove non dimenticate di ammirare l’eclettica Centrale Idroelettrica Ettore Conti di Piero Portaluppi prima di arrivare alla vasca dei pesci con presepe del Ristorante Pizzeria Campagna.

 

Infine, vale la pena di salire sul versante est della Valle per circa tre chilometri fino alla fontana di Cruppo – con il suo ponte d’ la gurva, risalente ai primi dell’Ottocento e sospeso a oltre 60 metri sul canyon del Rio Antolina – e fino al caratteristico lavatoio di Maglioggio, allestito dalla Locanda del Sasso con la creatività di Dalla credenza della nonna.

 

Il percorso può anche essere affrontato al contrario, ovvero proseguendo dal centro di Crodo sulla Strada Statale 659 fino al bivio per Cravegna e percorrendo la Strada Provinciale 73 in senso inverso, ovvero da Cravegna a Mozzio.

 

Non avete più scuse: i nostri Presepi sull’acqua sono visitabili 24 ore su 24, di notte e di giorno, per un mese intero. Vi aspettiamo!

www.crodoeventi.it

 

 

GALLERY

TRADUCI

Banner